Laddie John Dill

Immagine di  Laddie John Dill

Laddie John Dill

Laddie John Dill è un artista di Los Angeles e ha tenuto la sua prima mostra personale a New York City con la Galleria di Illeanna Sonnabend nel 1971. È stato uno dei primi artisti di Los Angeles a mostrare un’opera di “Light and Space” a New York. Ha esposto le “Light Sentences” e le “Light Plains” in molte istituzioni negli Stati Uniti e in tutto il mondo, e ha goduto di una ripresa di interesse per queste opere nell’ultimo decennio, da cui una recente acquisizione di una scultura “Light Plains” da parte del Museo d’Arte Moderna di New York. Attualmente è in mostra al MOMA. Dill ha creato, con materiali comuni come il calcestruzzo, il vetro, la sabbia e il metallo, sculture luminose, pareti e oggetti fin dagli anni spiega: “Sono stato influenzato da [Robert] Rauschenberg, Keith Sonnier, Robert Smithson, Dennis Oppenheim e Robert lrwin, che lavoravano con materiali di terra, luce e spazio in alternativa alla pittura a cavalletto”. Quando Dill usa la tela, dipinge con pigmenti derivati dal cemento e con ossidi naturali.
Laddie John Dill è nato a Long Beach, CA nel 1943. Si è laureato in Chouinard Art lnstitute nel 1968 con un BFA. Dopo la laurea, Dill è stato apprendista per le incisioni e le stampe presso la Gemini G.E.L. di Los Angeles lavorando a stretto contatto con artisti come Robert Rauschenberg, Claes Oldenberg, Roy Lichtenstein, and Jasper Johns. I lavori di Laddie John Dill sono nelle collezioni permanenti di istituzioni nazionali e internazionali come il Museum of Modern Art, NY; Los Angeles County Museum of Art, CA; Museo dell’arte contemporanea, CA; Museo di Arte Moderna di San Francisco, CA; Alto museo, GA; La collezione Phillips, DC; Chicago Institute of Art, IL; Smithsonian, DC; Louisiana Museum of Modern Art, Danimarca; Pio Monte della Misericordia, Italia; Museo d’Arte Contemporanea San Diego, CA; e Museo Jumex, Messico. Attualmente vive e lavora a Venice, CA.
 
Foto di Angelo Marra

Antiquitas in Luce

di Laddie John Dill
Introduzione di elementi “estremi” all’interno del mondo dell’arte, con l'utilizzo e la manipolazione di materiali non precipuamente devoluti all'uso artistico: tubi di neon, allumini industriali, cementi, terre.
DETTAGLI