Lucio Fontana artista del neon: F/ART partner della mostra all'Hangar Bicocca di Milano

Lucio Fontana artista del neon: F/ART partner della mostra all'Hangar Bicocca di Milano

giovedì 26 ottobre 2017 | Blog, News, News&Press
Immagine di  Lucio Fontana artista del neon: F/ART partner della mostra all'Hangar Bicocca di Milano

F/ART è lieta di annunciare la partnership della mostra Lucio Fontana "Ambienti/Environments”, a cura di Barbara Ferriani, Marina Pugliese e Vicente Teodolì presso il Pirelli Hangar Bicocca a Milano, visitabile fino al 25 febbraio 2018.

Si tratta della prima esposizione interamente dedicata alla produzione di opere al neon dell'artista, progettate e realizzate dal 1949 fino all’anno della sua scomparsa e per la prima volta ricostruite e riunite in un'unica sede.

F/ART ha collaborato alla realizzazione dell’importante rassegna artistica attraverso la fornitura dei trasformatori per neon prodotti dall’azienda.

La mostra "Ambienti/Environments” è un evento unico che presenta l'opera più sperimentale e tecnologicamente avanzata di Fontana, tra le personalità più influenti della scena artistica del Novecento.

"Ci rifiutiamo di pensare che l'arte e la scienza siano sfere distinte e quindi che le imprese realizzate nell'una non possano appartenere anche all'altra - affermava l'artista nel Manifesto Spaziale del 1947, proseguendo - gli artisti anticipano le imprese scientifiche, le imprese scientifiche provocano sempre delle imprese artistiche."

Una filosofia sposata da F/ART, la cui storia è caratterizzata sin dagli esordi dalla costante sperimentazione nell’ambito delle nuove tecnologie e prosegue tuttora attraverso il lavoro di ricerca e sviluppo che investe sia il settore produttivo dei trasformatori che le mirate operazioni di sponsorizzazione di opere d’arte, come nel caso dell’opera di Marotta & Russo ToutVa, caratterizzata da una forte componente tecnologica.

Nel 1951 Fontana realizza la prima opera interamente al neon per la IX Triennale di Milano, una linea luminosa che si snoda nello spazio dalla cima della grande scala del Palazzo delle Arti. Da quel momento in poi il neon diventa il materiale prediletto dall'artista per esprimere la sua ricerca sullo spazio, sulla luce e sull'energia luminosa. La luce attraverso il neon permette all'artista di trasfigurare la propria ricerca nella terza dimensione, aderendo al concetto stesso dell'opera. L’opera di Fontana testimonia uno dei primi esempi di come il neon abbia iniziato a conquistare un suo spazio nel mondo dell'arte, continuando ad essere fonte di ispirazione per l’arte contemporanea, l’architettura e il design.

 

---

Credit Foto: Agostino Osio

Comunicato Stampa - download in PDF