ARTISTA

Manuela Bedeschi

OPERA, ANNO

Casaluce, 2016

MATERIALE

tubi neon, trasformatori F/ART

“Casa” è un tema fondamentale nel lavoro di Manuela Bedeschi. 
Oltre a costituire una protezione dal mondo esterno, la casa rappresenta dal punto di vista psicologico il primo luogo privilegiato per la nostra individualità. 
Il filosofo francese Gaston Bachelard, definisce la casa come uno spazio che racchiude e comprime il tempo attraverso la memoria e l’immaginazione. 
Casa e luce sono i due elementi chiave per una corretta lettura della creazione artistica di Manuela Bedeschi, “casa" come parola e “luce” come mezzo, strumento di lavoro, attraverso l'uso del neon. 
In ogni cultura della storia la luce è un simbolo positivo. È la luce che rivela e svela: ciò che non è illuminato, non ci è dato di conoscere. Il neon viene inizialmente utilizzato dall'artista per creare dei punti luce destinati ad alleggerire i suoi allestimenti, da metà degli anni ottanta diventa poi protagonista permettendo così alla luce di diventare opera stessa. 
Un “segno di luce” che descrive parole, forme ed infine definisce lo spazio. 
Allo spettatore non resta che arrendersi, il suo sguardo sarà così catturato da opere luminose e colorate, rimanendo completamente ipnotizzato dalla magia della luce.

 

Mostra: Casaluce
Periodo: 23 settembre - 9 ottobre 2016
Dove: galleria Lazisee Art Open Space (VR)

Testo: Marika Santoni

 

È principalmente il concetto della casa a ispirarmi. La casa come luogo dove nascono le emozioni. È quello che cerco di raffigurare. Illumino i perimetri, gli angoli. La casa come metafora del luogo in assoluto.
RICHIEDI INFORMAZIONI
Immagine di  Casaluce 1 Immagine di  Casaluce 2 Immagine di  Casaluce 3 Immagine di  Casaluce 4 Immagine di  Casaluce 5